ALANISTI - ONLINE      

Alano dalla A alla Z

  Webmaster Ciro Spinella

   pagine visitate dal 15.02.05 Hit Counter

 

LA STORIA DI LASTER LIEBE

 

Era la mattina del 2 febbraio 1999, eravamo tutti ancora nel nostro letto e mio papà con voce scherzosa ci disse "sveglia ragazzi che per punizione vi porto a prendere il cane"..... era il giorno che aspettavo da tanto, penso che come me sia mia fratello che i miei genitori non hanno chiuso occhio quella notte per l'emozione di quella domenica che tanto aspettavamo.

Destinazione Cassinetta di Biandronno dove qualche mese prima, precisamente il 30 novembre 1998 era nato il nostro primo cucciolone di Alano che abbiamo voluto chiamare "Laster Liebe" dell' Elsa, che in tedesco significa Vizio d'Amore, si perchè fin da subito lo abbiamo viziato tanto, offrendo amore, tanto quanto ne ha dato lui a noi.

Appena arrivati all'allevamento la prima parola che ci siamo sentiti dire fù rivolta a mia mamma, "Signora da oggi in poi avrà un altro figlio in casa"..... cosi ci accolse Maria Rosa proprietaria dell'allevamento, e proprio cosi cominciò la nostra esperienza con Laster.

 

Appena arrivato nella sua nuova casa si dimostrò timido e quasi indifferente con noi, ma giorno per giorno prese confidenza con tutta la famiglia e tutto ciò che lo circondava, riservato e diffidente con gli estranei, mentre con tutti noi, un 'ombra costante in tutti i nostri movimenti, ogni passo che facevamo lui era sempre al nostro fianco. Abbiamo un giardino enorme, ma Laster preferiva come ogni Alano che si rispetti la vita di casa, infatti aveva il suo divano personale!

Passavano i mesi e Laster non mancava mai di stupirci, perchè tutto quello che faceva lo manifestava con tanto affetto e semplicità. Lo portammo a diverse esposizioni, tra cui la mondiale di Milano dove si comportò egregiamente, ottenendo la qualifica di Eccellente, anche se ci fece capire fin da subito che la sua passione era semplicemente quella di rimanere a casa e quindi fù accontentato.

 

In famiglia se avevamo tra di noi una discussione accessa dove si alzava la voce lui scendeva prontamente dal suo divano e sempre si allontanava, come se volesse attirare la nostra attenzione verso di lui, per farci smettere.

Abbiamo anche una casa in montagna, in Valtellina e quando si decideva di partire tutti insieme, era il primo a salire sulla macchina e il primo una volta arrivati a controllare ogni angolo della contrada e della casa.

Anche ad ogni suo compleanno era una festa, sempre una torta solo per lui, tante foto e tante tantissime coccole!!!! Viziato No?

Ha avuto anche un piccolo spazio su due quotidiani locali della nostra zona in provincia di Lecco, per una piccola sventura che lo ha visto protagonista in compagnia di mio fratello, in una giornata estiva di buon mattino lo ha voluto portare a camminare in una montagna della zona, ma il caldo in quei giorni era abbastanza fastidioso per tutti, l'articolo cosi riportava...."Il suo padrone inconsciamente lo ha portato sul Cornizzolo ma il calore e la fatica lo stavano uccidendo.

E' dovuto intervenire il soccorso alpino per salvare un Alano di quasi 95 chili. L'animale è stato reidratato e portato a valle a braccia dagli uomini del Cnsas.

Per fortuna il nostro campione recuperò dalla fatica nel giro di poche ore. A parte questo piccolo inconveniente Laster ha sempre avuto una salute invidiabile, era difficile che saltava un pasto o rifiutava qualche panino secco, dei quali andava ghiotto, anche con mia mamma mentre preparava per noi da mangiare, la sorvegliava attimo per attimo, pretendendo solo un assaggio di quello che stava cucinando, e sempre qualcosa gli arrivava.

Quello che voleva riusciva ad ottenerlo quasi sempre, come fare a dire di no quando ti guardava con i suoi occhioni profondi e penetranti, pieni di espressività, attenzione e intelligenza.

 

Tutto andava a meraviglia, fino a quel maledettissimo giorno dello scorso Aprile (2007), come ogni anno per le feste pasquali siamo partiti tutti per la montagna e con noi naturalmente anche Laster, ma la sua salute subì un brusco stop. Infatti in quei giorni non toccò cibo, e nemmeno i suoi adorati panini, solo acqua, e sempre poco dopo vomitava. Appena arrivati a casa abbiamo chiamato il nostro veterinario il quale nel giro di poche ore si è precipitato a casa e dalla prima visita a ipotizzato un insufficienza renale, confermata poi anche dagli esami del sangue. Abbiamo iniziato subito con delle flebo, l'antibiotico e delle punture per il vomito, Laster dimagriva ogni giorno di più e di mangiare non ne voleva sapere, solo acqua e vomitava. Negli esami delle urine gli hanno riscontrato un infezione e successivamente dall'ecografia un tumore ai testicoli, poi alterazioni alla milza allo stomaco e all'intestino. Per circa 10 giorni abbiamo continuato con questa terapia, da ammirare la tanta pazienza e tranquillità con le quali si prestava alle cure, ore fermo sul divano, una zampa nella nostra mano e l'altra nella flebo, ogni tanto tirava sù il suo grosso testone, ci guardava, un sospiro un brontolio e continuava a riposare. Non volevamo vederlo soffrire cosi, il nostro gigante buono, fiero e forte non si meritava tutto questo, cosi abbiamo preso la sofferta decisione di farlo addormentare per sempre! Gli abbiamo dato l'ultimo saluto, il giorno 18 aprile, in casa abbiamo un calendario che ogni giorno riporta una frase o un proverbio, quel giorno così scriveva " La bellezza è come un fiore, presto nasce e presto muore" Laster si è addormentato sul suo amato divano, ho voluto assistere insieme a mio fratello e salutarlo per l'ultima volta, adesso ci starà guardando, sicuri che un giorno correremo insieme !

Grazie di tutto Laster Liebe !

Stefano

 

 

<<< INDIETRO


Inviare un messaggio ad alanisti-online per eventuali errori, omissioni o domande inerenti le pubblicazioni su questo sito web !
Copyright 2008-2015 Alanisti-Online - sito Web ideato e realizzato da
Ciro Spinella - tutti i diritti riservati - Tutto il materiale di questo sito è proprietà di "alanisti-online" !
E' vietata la riproduzione anche parziale senza il consenso dell' autore. Risoluzione consigliata 1024 x 768