ALANISTI - ONLINE      

Alano dalla A alla Z

  Webmaster Ciro Spinella

   pagine visitate dal 15.02.05 Hit Counter

 

FONDAZIONE DELLA SCUOLA DI ADDESTRAMENTO CINOFILO IN PRUSSIA :

UN ALANO IL PRIMO CANE POLIZIOTTO

 

Tutto ebbe inizio, in Prussia, nel 1897, nell'oscuro ufficio dell'ispettore Franz Laufer. Costui, dovendo sopportare le incessanti lamentele di sottoposti agitati da un lavoro sempre più rischioso e non riuscendo ad ottenere l'incremento degli organici, non si rassegnava a rinunciare alla pace perduta. Così, forse anche per segnalarsi come solerte funzionario, propose di affiancare un cane, possibilmente grosso, nervoso e cattivo ad ogni poliziotto.

L'idea non piacque a nessuno, in particolare ai poliziotti che giudicarono la soluzione peggiore del problema.

Eppure, in tre anni, il malcontento era montato a tal punto che le autorità si videro costrette ad intervenire. Sempre alla prese con drammatiche ristrettezze di bilancio… Qualcuno ripescò dal cilindro l'idea dei cani, Nessuno volle assumersene la responsabilità, così Tutti si ricordarono improvvisamente di Laufer.

Il poveretto, completamente ignorante in materia cinofila, comprese la fregatura solo quando un suo superiore gli strinse la mano allungandogli 500 marchi, per organizzare quella che oggi chiameremmo unità cinofila, e, così, salvare la Prussia dalla criminalità.

Tuttavia Herr Laufer, da bravo Prussiano, si dedicò caparbiamente a questo nuovo incarico, studiando libri di veterinaria e storia naturale, facendosi aiutare da un tale Lange, sergente di polizia ed ex-guardiacaccia. Lange consigliò decisamente di acquistare dei Pastori Tedeschi, ma Laufer preferì gli Alani perché più imponenti (del resto il romanzo di Sir Arthur Conan Doyle, "Il Mastino dei Baskerville", aveva appena avuto un gran successo in tutta Europa). I 500 marchi gli bastarono a stento per acquistare tre cani ed addestrarli sommariamente. Per il cibo si arrangiò con gli scarti degli ospedali e per le cure mediche incastrò in qualche modo un veterinario locale.

   

Nel 1901 la popolazione guardava dubbiosa il primo Alano poliziotto (Caesar), che accompagnava al guinzaglio, ringhiando dietro ad una museruola, un poliziotto ancor più dubbioso. I dubbi si tramutarono in certezza quando Caesar morse per sbaglio il primo passante che gli capitò a tiro. Laufer e Lange erano già pronti a cambiar lavoro, quando la sorte li favorì: chissà come Caesar seguì per qualche chilometro la traccia di un ladro, permettendone l'arresto.

Altre fonti affermano che:

Die Geschichte der Polizeihundvereine geht auf das Jahr 1901 zurück, als in Mönchengladbach der erste Verein zur Förderung und Zucht von Polizeihunden durch die Herren Laufer und Göschel gegründet wurde.

ovvero:

La storia della società dei cani di polizia risale l’anno 1901, quando in Mönchengladbach fu fondata dai signori Laufer e Göschel la prima società di promozione per l’allevamento dei cani di polizia.

Nel 1902 tutto era ancora assi precario, così Laufer organizzò una dimostrazione cinofila per propagandare la sua attività. Il temibile Ceasar fece nuovamente la sua comparsa: fu un grande successo (od un parziale fallimento, a seconda dei punti di vista). Da una parte i pochi soldi racimolati vennero spesi per le cure mediche da prestare al disgraziato figurante, dall'altra l'interesse cominciò a diffondersi e dopo poco venne fondata la PHV, un'organizzazione dedicata all'addestramento dei cani poliziotto, con sede a Mönchengladbach (fonte [3]). Uno dei primi iscritti fu il celebre capitano Max v. Stephanitz (nella foto a fianco), che giusto tre anni prima aveva fondato la Schaferhunde Verein.

   

Konrad Most si dedicò all'addestramento dal 1906 (a Saarbruecken, per la polizia prussiana), fino al 1954 (data della sua morte). Si occupò di cani militari, cani per la polizia, fino a cani guida e "da valanga".

È interessante notare come, proprio in quei giorni, facevano la loro comparsa tutta una serie di personaggi, al momento completamente ignorati, ma in seguito riconosciuti come inventori dei regolamenti di lavoro ancor oggi seguiti nel mondo (fra cui ricordiamo il grande precursore Konrad Most).

Nel 1903 SV e PHV conducevano, ancora irregolarmente, dei "test di efficienza" per valutare i cani; i dettagli sono andati persi, sappiamo però di differenti criteri: Stephanitz era interessato allo sviluppo del Pastore Tedesco, Laufer a problemi pratici di addestramento. I risultati erano inferiori alle aspettative, cosa non strana visto che mancava qualsiasi precedente (per la verità la polizia di Ghent, in Belgio, aveva iniziato, sin dal 1899, un programma simile. Inevitabilmente, secondo i Tedeschi, non ci fu scambio di informazioni, secondo i Belgi osservatori tedeschi "carpirono" molte delle tecniche in uso).

Nel 1904 la PHV pubblicò il primo regolamento per le prove a cui sottoporre i cani poliziotto e nel giro di sette anni gli iscritti passarono da 270 a 6000 organizzati in 64 club. Si verificò uno strano fenomeno per cui questo genere di addestramento venne sempre più spesso richiesto anche da comuni cittadini proprietari di cani. Nacque così la RVPH che si dedicò alla nuova, proficua attività fino allo scoppiare della Prima Guerra Mondiale.

Con la guerra, inevitabilmente, tutti i club e le associazioni ebbero un grave contraccolpo.

   

Cane da traccia, cane da pista

 

Nel 1925 PHV, RVPH ed un'altra associazione tedesca si accordarono per unificare i regolamenti e riconoscere reciprocamente i giudici. Così iniziarono le prime prove di Schutzhund. Già allora tutto era organizzato su tre livelli, ma in più erano presenti elementi, ormai rimasti solo nelle prove di Ring in Francia, Belgio, Olanda (o neanche in quelle prove).

Alcune curiosità:

      erano previsti riporto in acqua e staffetta;

       il riportello pesava 5 Kg;

       veniva condotta una prova di rifiuto del cibo offerto da estranei;

      nelle prove di difesa c'erano anche fasi in cui il cane lavorava con la museruola.

Nello stesso periodo si effettuarono le prime prove di FH… piste di due miglia invecchiate sette ore!

Nel 1933, per esercitare un controllo più pressante, il governo nazista sciolse tutti i club storici, facendoli confluire in un'unica associazione.

   
Nel 1947 i vecchi membri di PHV e RVPH si riunirono fondando la DVG. Oggi questa associazione conta oltre 30000 iscritti, dagli appassionati di Schutzhund a quelli di ubbidienza, ed organizza numerose manifestazioni sportive in ambito cinofilo. La DVG è organizzata in 14 sezioni (Landesverbands), 13 delle quali in Germania ed una in America (LV/DVG America).

Nel 2004, la società cinofila tedesca (VDH), in una situazione politica assai delicata, ha apportato lievi modifiche al regolamento SchH denominando la nuova prova VPG (Vielseitigkeitsprüfung für Gebrauchshunde, che più o meno significa "prova di versatilità per cani da lavoro" e differisce solo in dettagli dall'IPO).

   

Athos Giusti e Manlio Morini

 

<<<INDIETRO


Inviare un messaggio ad alanisti-online per eventuali errori, omissioni o domande inerenti le pubblicazioni su questo sito web !
Copyright 2008-2015 Alanisti-Online - sito Web ideato e realizzato da
Ciro Spinella - tutti i diritti riservati - Tutto il materiale di questo sito è proprietà di "alanisti-online" !
E' vietata la riproduzione anche parziale senza il consenso dell' autore. Risoluzione consigliata 1024 x 768